Due parole su di me

Life - Sport - Business Coaching Online

Mi presento


Sono italiana, nata e cresciuta in Emilia - Romagna tra le nebbie della pianura padana e l'azzurro del mare adriatico. Porto dentro di me entrambe le influenze e le caratteristiche della mia regione. Concretezza e amore per la terra si uniscono alla vivacità e dinamicità delle onde del mare. Il fascino del mare, il profumo della sabbia e il suono delle conchiglie ha accompagnato tante mie estati piene di sole e di giochi in spiaggia. I colori delle foglie, gli alberi, le foschie hanno stuzzicato le mie storie fantastiche popolate di elfi e di gnomi.

La vita professionale e personale mi ha portato a Zurigo, nella Svizzera tedesca. Sono bilingue e l'integrazione linguistica non è stata una difficoltà insormontabile, anche se il mio tedesco “standard” mal si declinava con la lingua locale, lo “svizzero", o meglio ancora lo “zurighese”. Pur non potendo parlare zurighese senza far sorridere, ho acquisito con il tempo la dimestichezza con questo “dialetto” e ora lo comprendo. Il dovermi correlare ogni giorno contemporaneamente con lingua italiana e lingua tedesca, cultura italiana e cultura svizzera, mi ha permesso di vivere e di convivere con entrambe le espressioni linguistiche e culturali, in tutte le loro sfaccettature. Mi ha permesso inoltre di acquisire una personalità duttile, proiettata alla multiculturalità e alle relazioni interculturali.

Quando gli amici mi chiedono se mi sento più italiana o più svizzera rispondo sempre che mi sento del Pianeta Terra, ho le radici nella terra (ogni terra!) e i rami in alto nel cielo azzurro (ogni cielo!). Nel mio cuore vi sono i volti e i sorrisi di tante persone, tutte a me vicine nei sentimenti di una buona vita interiore, senza distinzioni geografiche. La base di una buona vita interiore è lo sviluppo della propria personalità e questo processo ha effetti positivi sulle relazioni, il lavoro, la famiglia, l'amicizia e la salute. Sono convinta che ogni persona può cambiare in meglio e raggiungere gli obiettivi per vivere la vita appagante che desidera.


La mia filosofia di coaching


Si tende a credere che il Coaching provenga da esperienze pratiche in ambito sportivo o manageriale. Questa metodologia ha invece origini antiche e si basa su conoscenze teoriche e pratiche relative alla psicologia, filosofia, educazione. Socrate: “Io non posso insegnarti nulla, posso solo aiutarti a cercare la conoscenza dentro te stesso che è molto meglio di passar a te la mia scarsa saggezza”

È questa l’influenza più rappresentativa: alla base della proposta metodologica del coaching troviamo infatti le domande “maieutiche”, esattamente come Socrate aiutava i propri discepoli ad apprendere attraverso domande e lasciando che trovassero essi stessi una risposta. Un altro elemento fondamentale del coaching è il dialogo: solo attraverso il dialogo si offre l’aiuto necessario per raggiungere uno sviluppo personale e professionale.

Dal punto di vista di Platone, la persona che si sottopone al coaching può evolversi unicamente attraverso il dialogo costruttivo, un dialogo che non cerca un semplice trasferimento di conoscenze, ma che aiuta l’altro a cercare personalmente le informazioni. Il coaching non pretende di apportare “conoscenze”, ma la sua missione è mostrare alla persona  ciò che è importante e indicarle i meccanismi che dovrà attivare per raggiungerlo.

Secondo Aristotele la missione del coach è supportare la persona affinché raggiunga una meta,  deve aiutarla a diventare grande e poter essere ciò che deve essere. Uno dei principi fondamentali del coaching è che la persona non diventa mai dipendente dal coach, perché questi agisce affinché non ci sia bisogno di lui in futuro e la persona possa cosi procedere da sola. L’influenza di Aristotele è ancora più evidente nel coaching del business, in quanto il filosofo sottolinea la necessità, da parte di chi ricopre un ruolo governativo, di sviluppare specifiche abilità direttive per l’esercizio del proprio incarico.

Altre scuole di pensiero da cui attinge il metodo del coaching sono l'Umanesimo e l'Esistenzialismo. La corrente umanista enfatizza il valore e le abilità individuali di autorealizzazione attraverso il ragionamento. Secondo questa corrente, l’essere umano rappresenta un essere incompleto, bisognoso di autorealizzazione per raggiungere il proprio potenziale. Questo principio è direttamente legato alla pratica del coaching, la quale stabilisce come obiettivo prioritario del processo lo sviluppo delle persone in tutti i loro aspetti: cognitivi, emotivi e attitudinali.

La corrente esistenzialista pone come punto centrale l' esistenza dell’individuo. Secondo il coaching, così come si afferma nell’esistenzialismo, noi esseri umani abbiamo la capacità di prendere coscienza di noi stessi per ristabilire i nostri progetti di vita, considerando che per raggiungere lo sviluppo personale o lavorativo, tale presa di coscienza deve essere sia interna, sia del contesto in cui viviamo.

La mia filosofia di coaching si fonda sul desiderio di accompagnarti e sostenerti nel modellare il tuo aspetto e il tuo atteggiamento interiore liberamente e autonomamente, in modo che l'autostima prenda il suo giusto spazio per permetterti finalmente di vivere la tua identità indipendentemente dalle influenze esterne.

Citazione del mese:

Cerca di scoprire il disegno che sei chiamato ad essere, poi mettiti con passione a realizzarlo nella vita.
(Martin Luther King)